giovedì 10 settembre 2015

Sentieri Illustrati - Mostra di illustratori ungheresi e italiani a Pordenone






Ho avuto l'onore di poter collaborare insieme come coordinatrice alla realizzazione di una mostra unica: una rassegna di illustrazione per l'infanzia italo-ungherese. La mostra è nata 7 anni fa da un'idea di Silvia Pignat (anche lei illustratrice) che tuttora coordinatrice generale,  inoltre ne cura la grafica e l'allestimento.

Nagy örömmel adom hírül, hogy szeptember 4-én az olaszországi Pordenone városban megnyílt egy magyar-olasz gyermekillusztrációs kiállítás, aminek a magyar részét (14 illusztrátor több, mint 130 eredeti alkotással) én koordináltam. A kiállító magyar művészek: Baranyai (b) András , Bodonyi Panni, Gyöngyösi Adrienn, Herbszt László, Kárpáti Tibor, Kiskovács Eszter, Maros Krisztina, Nagy Diána, Nagy Norbert, Paulovkin Boglárka, Rofusz Kinga, Simonyi Cecilia, Szalma Edit és Szegedi Katalin. 

Résztelesen beszámolok az eseményről ebben a gyerekirodalom.hu oldalon megjelent riportban itt.


Sentieri Illustrati 
MOSTRA INTERNAZIONALE DI ILLUSTRAZIONI PER L’INFANZIA

Dal 4 settembre al 25 ottobre 2015, Pordenone, Galleria Sagittaria (Pordenone, via Concordia 7)

organizzato dal CENTRO INIZIATIVE CULTURALI PORDENONE 

Illustratori ungheresi in mostra:
Baranyai (b) András , Bodonyi Panni, Gyöngyösi Adrienn, Herbszt László, Kárpáti Tibor, Kiskovács Eszter, Maros Krisztina, Nagy Diána, Nagy Norbert, Paulovkin Boglárka, Rofusz Kinga, Simonyi Cecilia, Szalma Edit, Szegedi Katalin.

Illustratori italiani in mostra:
Mauro Carraro, Dario Cestaro, Sonia Maria Luce Possentini

"DOVE NON OSANO LE AQUILE
Incontro con le storie e l'immaginario dell’Ungheria

In una famosa fiaba ungherese, si narra d'un eroe che intraprende un lungo viaggio attraverso aride pianure e foreste impenetrabili e, giunto ai monti di cristallo, s'imbatte in una casetta isolata. Sull'uscio, si presenta una donnina di mille anni e più che lo apostrofa così -"Che ci fai qui, straniero, qui dove nemmeno le aquile osano arrivare?"

Per giungere in Italia dal paese dei quattordici illustratori invitati a partecipare alla settima rassegna "Sentieri illustrati" non servirebbe certo attraversare distese sconfinate e impegnarsi in pericolose scalate ai monti di cristallo! Ma èun fatto che la letteratura e l'illustrazione per l'infanzia magiare sono ancora pressoché sconosciute al lettore italiano, forse anche per la difficoltà di produrre buone traduzioni da una lingua estremamente complessa, appartenente al ceppo ugrofinnico e considerata una delle "più difficili al mondo" —la lingua ungherese sembra dunque essere un ostacolo ben più grande dei proverbiali monti di cristallo… Rimedia a questa mancanza di diffusione la mostra dedicata all'Ungheria nell'ambito di "Sentieri illustrati" 2015. L'esposizione offre un'ampia selezione di tavole (più di 130 opere originali) tratte da prestigiosi albi, illustrati da artisti ungheresi di fama internazionale, per la prima volta in Italia. (…)"
(Dal catalogo della mostra, testo di Sarolta Szulyovszky)

Pagina ufficiale della mostra: qui.

Intervista con me in lingua ungherese qui.

Pagina Facebook dalla mostra qui.


Nessun commento:

Posta un commento